Deprecated: implode(): Passing glue string after array is deprecated. Swap the parameters in /home/customer/www/difesaegiustizia.it/public_html/templates/yoo_monday/layouts/theme.config.php on line 127
NEWS

Il 10 dicembre di ogni anno, l’umanità ricorda il giorno del 1948 in cui l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, proclamando i suoi principi come “ideale comune da raggiungersi da tutti i popoli e tutte le nazioni.”

PIANO DEL CONSUMATORE SOVRAINDEBITATO: INDISPONIBILE IL QUINTO DI STIPENDIO CEDUTO

Importante pronuncia del Tribunale di Catania a cura di Cristina Rapisarda

La sesta sezione civile del Tribunale di Catania, con ordinanza n. 5902/16 dell’8/8/2016, in accoglimento del reclamo presentato da Italcredi contro il decreto di omologa del piano del consumatore emesso dallo stesso Tribunale in data 9/3/16, ha affrontato significativamente una delle fondamentali questioni applicative che pone la legge sul sovraindebitamento (legge n. 3/2012).

Un significativo intervento legislativo in materia di trasparenza e pubblicità dell’azione amministrativa è stato recentemente compiuto dal Governo con l’emissione del d. lgs. n.97 del 2016, c.d. Decreto Madìa, che risulta improntato alla più ampia realizzazione della “libertà di accesso” agli atti dell’amministrazione;

DIFESA E GIUSTIZIA: ABBIAMO SOSTENUTO LE LACUNE DELLA LEGGE ITALIA SIN DALL’ENTRATA IN VIGORE DELLA LEGGE COMUNITARIA 2015-2016

Come da programma e come da noi sostenuto nel luglio scorso, l’Italia è stata condannata dalla Corte di Giustizia Europea su ricorso per inadempimento, ai sensi dell’articolo 258 TFUE, proposto il 22 dicembre 2014 dalla Commissione Europea.

NUOVA OMOLOGA DEL TRIBUNALE DI CATANIA: ELIMINATI IL 45% DEI DEBITI DI UNA FAMIGLIA CATANESE

#ituoidiritticontano

Un nuovo provvedimento del Tribunale di Catania del 18.10.2016 ha provveduto ad eliminare, sulla base del piano del consumatore (legge 3/2012, detta salva suicidi) circa il quarantacinque per cento dei debiti contratti da una famiglia catanese che avevano contratto debiti per importi superiori alla busta paga ed ammontanti a circa 60.000,00 euro.